Sociologa della famiglia, presidente del Comitato scientifico per la valutazione del Reddito di Cittadinanza del Governo Draghi, nonché socia della Mutua sanitaria Cesare Pozzo, Chiara Saraceno sottolinea l’importanza del mutualismo come condizione necessaria alla comunità, in un’intervista esclusiva, rilasciata ai microfoni di CesarePozzo.

“Ci sono forme mutualistiche disciplinate, nelle quali lo scambio è regolato secondo il principio del ricevere non per quello che si dà ma per quello di cui si necessita – afferma la professoressa - Le forme di scambio rispondono ai bisogni della comunità nella quale si vive e, in alcuni contesti particolarmente difficili, tale aiuto è addirittura necessario per evitare di precipitare. Affermando questo – continua - non mi riferisco solamente ai poveri ma anche agli anziani o ai giovani che non hanno un aiuto sufficiente su cui contare, ma devono incontrarlo nella comunità nella quale vivono.”

 

Chiara Saraceno - Sociologa della famiglia

 

Necessario il dialogo tra solidarietà pubblica e mutualistica.

Le regole della solidarietà pubblica sono sicuramente fondamentali: è necessario che tutti paghino le tasse e si comportino secondo le direttive del gioco. E’ altrettanto vero, però, che una società non vive solamente dell’adesione alla sfera pubblica ma anche mettendoci del suo e investendo in termini di tempo e idee – continua la professoressa - E’ evidente, ad esempio, come alcune periferie siano malmesse sia perché mancano gli interventi pubblici, come quelli nei trasporti o nell’edilizia, sia perché, a causa di tale trascuratezza, non si è sviluppata sufficientemente la capacità di curare la propria comunità, la voglia di investire in essa e non soltanto nella propria casa. Quando, però, si interviene e si offrono risorse perché questa capacità si sviluppi in maniera continuativa e si fanno emergere le capacità già latenti, la realtà cambia e le persone stesse si sentono più capaci perchè più valorizzate e riconosciute".

 

Clicca qui per guardare l'intervista completa alla professoressa Chiara Saraceno.